Accessori ferro battuto cucina

Accessori da cucina: il fascino del ferro

Il ferro battuto: un complemento d’arredo dal gusto vintage

Benché sia considerato da molti un elemento di arredo prettamente rustico e adatto prevalentemente alle case di campagna, il ferro battuto è un materiale versatile, in grado di rendere speciale qualunque tipologia di abitazione.

Il ferro battuto viene spesso scelto dalle persone per conferire alla propria casa un gusto vintage: il suo colore particolare e le forme semplici ed eleganti creano un’atmosfera calda ed accogliente, ideale sia per passare il tempo da soli che in compagnia della famiglia e degli amici.

Questo materiale, nella sua semplicità, è frutto di un processo di lavorazione complesso e artigianale, che attraverso la forgiatura realizza pezzi unici e diversi gli uni dagli altri. Dal punto di vista tecnico, il ferro battuto richiede una grande capacità del fabbro, il quale deve alternare la lavorazione tra fasi di caldo e di freddo, plasmando il materiale e donandogli la forma desiderata. La deformazione stessa del metallo è effettuata con tecniche diverse, tra cui le più conosciute sono quella ad impatto e quella per pressione.

L’arredamento e gli accessori da cucina

Se desiderate utilizzare il ferro battuto per arredare la cucina della vostra abitazione, non avete che l’imbarazzo della scelta tra i numerosi accessori da cucina. Quelli più utilizzati in una cucina dal gusto vintage sono i tavoli e le sedie, ma non mancano certo i piccoli oggetti d’arredo, come ad esempio le lampade, e i grandi mobili, come nel caso delle credenze che combinano il ferro battuto a materiali grezzi come il legno non tratto o decapato in stile Shabby Chic.

Le sedie in ferro battuto sono generalmente non verniciate, per mantenere intatto il loro fascino vintage, e vengono abbinate sia a dettagli in legno grezzo che a stoffe preziose. Per quanto riguarda il tavolo, si passa da tavoli più semplici ideali per coppie o per un nucleo familiare di piccole dimensioni, a tavoli più elaborati, e magari allungabili, perfetti per famiglie numerose.

Anche i tavoli in ferro battuto, così come le sedie, possono presentare un accostamento al legno, come ad esempio quello di pino o quello di quercia. Per completare l’arredo della cucina infine avete la possibilità di scegliere dei piccoli dettagli in ferro, a partire dalle lampade fino ad arrivare ai portarotoli, alle alzate portafrutta e agli scolapiatti da sistemare sul piano della cucina.

Come trattare gli accessori da cucina in ferro

Pur trattandosi di un materiale molto resistente, il ferro battuto richiede un trattamento particolare durante le sessioni di pulizia. Per pulire gli accessori da cucina realizzati in ferro battuto e farli durare a lungo nel tempo, si possono adottare dei piccoli accorgimenti e trucchi. Prima di tutto non è necessario ricorrere all’utilizzo di prodotti particolari, nonostante ne esistano di diverso tipo in commercio, ma è sufficiente usare dell’acqua calda in combinazione a del comune detersivo per i piatti.

Uno strumento indispensabile per la pulizia del ferro battuto è invece la spazzola con le setole in ferro, in seguito alla quale si può passare o meno un panno inumidito in olio di oliva per lucidarlo. Per spolverarlo è invece sufficiente un pennello a setole morbide.

admin Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *