Rete motorizzata

Reti elettriche: quando sceglierle e perché

Le reti elettriche: quali elementi ne hanno favorito il successo?

È giunto il momento di cambiare letto? In tal caso, oltre a valutarne le caratteristiche estetiche, è opportuno tenere conto, soprattutto se siete da tempo alla disperata ricerca di un lungo sonno ristoratore, della funzionalità. Da questo punto di vista le reti elettriche, o motorizzate, rappresentano una tecnologia di nuova generazione affidabile.

Questa tipologia di reti, in virtù della presenza di un piano reclinabile e snodabile in più punti, non ha difficoltà ad adeguarsi a qualunque esigenza. Inoltre, molti modelli hanno a disposizione un telecomando (dotato o meno di filo). Le reti motorizzate costituiscono la scelta ideale per le persone non completamente soddisfatte dalle reti ortopediche, garantendo un’esperienza di riposo ancora più confortevole e appagante.

Sono necessari solo pochi secondi per permettere alla rete di sollevare la zona lombare o, in alternativa, le gambe. Non deve essere sottovalutata la capacità delle reti nel migliorare la circolazione sanguigna.

Sul mercato sono ormai disponibili anche modelli matrimoniali, ma è possibile anche accostare due reti singole, in modo che entrambi gli ospiti possano trarre i massimi benefici dal riposo.

Quando è consigliata una rete motorizzata?

Pur offrendo un ottimo comfort a qualsiasi persona, questa tipologia di reti è particolarmente indicata per chi è soggetto a problemi di circolazione. Ottenere un immediato sollievo è semplice: non occorre altro che agire sul telecomando per far sollevare o abbassare la zona bassa del letto.

Anche se soffrite abitualmente di dolori alla schiena trarrete grande giovamento da queste reti, assumendo una corretta posizione. Dal canto suo, chi ha problemi respiratori o di reflusso durante le ore notturne, troverà nelle reti dotate di motore elettrico un’opzione in grado di favorire la respirazione e la digestione, unicamente sollevando la zona del busto. Pensate, inoltre, alla possibilità di mantenere alzata tale parte dopo una cena piuttosto pesante, o qualora quest’ultima sia terminata solamente pochi minuti prima di recarsi a letto.

Infine, queste reti con altezze modificabili a piacere si rivelano ideali anche per gustarsi un buon film, leggere o usare il PC portatile comodamente distesi.

Quali materassi abbinare alla rete elettrica?

Per quanto riguarda la struttura delle reti motorizzate, la maggior parte dei modelli è realizzata in legno di faggio, assicurando elasticità e resistenza alla struttura, flessibilità e robustezza ai listelli. Questi ultimi presentano raccordi in gomma (solitamente SBS); una scelta perfetta per eliminare possibili rumori o cigolii durante l’uso, e per assicurare adeguata ammortizzazione.

Un elemento da tenere in considerazione nella fase di acquisto è rappresentato dal materasso da accostare alla rete. Alcune tipologie risultano, infatti, più adatte di altre. Se quelli a molle tradizionali non sembrano sposarsi bene con tali reti, i materassi in memory foam danno luogo a un perfetto connubio: possono essere piegati con estrema facilità, esaltando le capacità ergonomiche della rete e migliorando nella maggioranza dei casi la qualità del sonno.

 

admin Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *