Rete materasso

Rete per letto: come sceglierla?

Varie tipologie di reti: doghe strette, doghe larghe, rete fissa, rete mobile

È giunto il momento di acquistare la vostra nuova rete per letto. I motivi che vi spingono a fare questo passo possono essere diversi: magari la vostra si è rotta, avete cambiato materasso, il dottore vi ha indirizzati verso questa scelta per via dei dolori alla schiena o vi siete resi conto che ad ogni risveglio non vi sentite più riposati come un tempo e fate fatica ad affrontare la giornata.

In ogni caso la buona notizia è che il mercato attualmente vi offre una miriade di soluzioni pensate ad hoc per ogni esigenza, quindi sicuramente riuscirete a trovare ciò che state cercando. Noi di Arte & Stile siamo qui per accompagnarvi in questa scelta e darvi qualche consiglio utile, come quello che riguarda il rapporto tra materasso e rete, un’interazione dalla quale dipende la qualità del vostro riposo e quindi della vostra salute.

Caratteristiche strutturali

Quando acquistate una rete dovete considerare innanzitutto che questa è costituita da 2 porzioni principali: il piano d’appoggio, quindi la componente orizzontale, e la struttura che lo sostiene, o elemento verticale. Il telaio è lo scheletro che regge il tutto, deve perciò mostrare assoluta robustezza, buon equilibrio e può essere più o meno alto a seconda delle tipologie di letto.

Il piano sul quale andrà a poggiare il vostro materasso, che sia singolo, 1 piazza e mezza o matrimoniale, può presentare caratteristiche differenti a seconda della variante. Il modello sicuramente oggi più diffuso è quello delle reti a doghe, opzione che risulta compatibile con praticamente tutti i materassi e vi assicura una buona areazione da entrambi i lati. Questa categoria di reti per letto mostra un piano costituito da listelli di legno, più o meno larghi e generalmente realizzati in faggio, che sono disposti lungo il telaio, lasciando un certo spazio tra l’uno e l’altro.

È ovvio che più le doghe saranno larghe e maggiore sarà il sostegno e la resistenza dei singoli elementi. Esistono poi basi con doghe fisse o mobili: nel primo caso noterete degli inserti già predisposti lungo lo scheletro, all’interno dei quali vengono fissate le estremità dei listelli e quindi questi ultimi non possono essere spostati in nessun modo, mentre nel secondo le doghe si possono posizionare liberamente a seconda delle vostre specifiche esigenze.

Scegliendo quest’ultima opzione potrete ad esempio aumentare il grado di rigidità in corrispondenza della colonna vertebrale o delle gambe.

Tra le tipologie meno in voga ci sono poi le reti metalliche, presenti per decenni in tutte le case ma ormai essenzialmente superate e incapaci di adattarsi alla maggior parte dei materassi moderni, le reti a sospensioni e le reti elettriche.

Quale rete scegliere e perché?

Le reti con doghe in legno di faggio sono caratterizzate da buona elasticità e flessibilità, perciò reagiscono alle sollecitazioni in modo eccellente, evitandovi traumi e sostenendo adeguatamente il peso del vostro corpo. Altre tipologie di legno tendono ad essere indeformabili e quindi, pur garantendovi maggiore rigidità, tendono a deteriorarsi più in fretta e possono andare incontro a rotture.

Se soffrite di problemi alla colonna vertebrale o di lombalgia il nostro consiglio è quello di optare per una rete a sospensioni, in grado di assicurarvi un rilassamento muscolare estremo grazie agli elementi multi-direzionali e flessibili. Medesimo discorso riguarda le reti elettriche, prodotti disponibili sia nella versione a sospensioni che con doghe, capaci di adattarsi alle necessità di coloro che mostrano difficoltà motorie di gradi differenti, molto utili per gli anziani.

Alcune di queste reti sono dei veri e propri dispositivi medici e possono essere acquistate approfittando di interessanti detrazioni fiscali. Date un’occhiata al nostro catalogo e ai convenientissimi prezzi, troverete sicuramente la soluzione più adatta per un riposo ottimale!

 

admin Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *